Italia e l’erba del vicino


Prendo spunto da un’articolo apparso su Wired di Maggio nel quale sono riportate le parole pronunciate in occasione dell’Expo di Milano del 1881 da Giuseppe Colombo, professore universitario e ingegnere italiano, autore, tra le altre cose, del noto Manuale dell’Ingegnere:

«Noi italiani abbiamo un terribile difetto. Noi siam usi a disprezzare le cose nostre; e abbiamo, invece, un’illimitata opinione della superiorità degli stranieri. È una grave sciagura, è un pregiudizio fatale, contro il quale si infrangono gli sforzi dei nostri migliori costruttori».

Queste parole sono tuttora attualissime. E’ difficile trovare persone che gridino gioia e fierezza riguardo le bellezze del nostro paese e del nostro popolo. Sforzandomi un poco, il pensiero mi va a Roberto Benigni (con la sua Divina Commedia) e a qualche letterato che di tanto in tanto capita di leggere o di vedere in televisione, mai troppo indaffarato, che elogia l’intelligenza, nonchè le molteplici innovazioni in tutti i campi, che gli Italiani hanno nel loro sangue. Molto più facile invece portare alla mente le parole dei politici, dei comici, dei giornalisti e della gente di qualsiasi ceto sociale, che quotidianamente cercano di disprezzare ciò che loro stesso sono, portando a volte tesi assurde e fantomatiche “prove” di quanto sia migliore questa e quella nazione.

Siamo un paese amato nel resto del mondo, e non solo grazie ai tesori del passato o del presente che abbiamo creato e che continuiamo incessamente a produrre. Certo, di cose da rimettere a posto, da migliorare, da buttare giù e rifare, da perfezionare ce ne sono, ma non ci si può fermare a queste. In fondo, a guardar bene, c’è un pezzo di Italia in molti lavori stranieri. Un pò di sano patriottismo, forse è questo che manca un pò a noi italiani. Questa è la base, la miglior base, per camminare guardando il futuro. E voi, che ne pensate?

Hai trovato questo articolo interessante? Puoi seguirci su Facebook oppure iscriverti GRATIS ai nostri feeds! Su, coraggio!


Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito.

1 commento a “Italia e l’erba del vicino”

  1. Sara.M. scrive:

    Penso che un po’ di patriottismo non ci farebbe per niente male! perchè dovrebbe essere il punto di partenza per risolvere tante cose che non vanno. E sono davvero davvero tante a mio parere, così come in tutti gli altri paesi che si ammirano. E’ comunque giusto anche guardare agli altri paesi, vedere se e come hanno risolto i loro intoppi ed eventualmente prendere spunto; perchè ormai siamo un mondo globalizzato e sarebbe assurdo e controproducente non voler guardare anche al di fuori di noi. Quando saranno risolti quei problemi allora tutto il resto verrà valorizzato nel giusto modo e potrò dire di essere fiera di essere italiana.

Commenta

*

Powered by WordPress | Free cell phones brand new for sale. | Thanks to Best at&t deals, Facebook Games and Conveyancing